Prenota una demo e sii tra i primi a scoprire tutto riguardo un nuovo modo di offrire benefit.
inizia ora
H

ai aderito a una forma di previdenza complementare? O forse stai ancora pensando di farlo? Tra le tante informazioni da approfondire c’è il riscatto del fondo pensione, che avviene secondo diverse modalità. 

Leggi nel nostro articolo quali sono le procedure da seguire e le tempistiche, oltre alla differenza con l’anticipo (no, non sono la stessa cosa…). In più, ti spieghiamo i diversi scenari possibili, come ad esempio il riscatto del fondo pensione per dimissioni o pensionamento.

Come funziona il riscatto del fondo pensione

Nel momento di sottoscrizione di un piano pensionistico integrativo, è impossibile non correre immediatamente con il pensiero a quando si potrà finalmente godere dei risparmi accumulati, durante la terza età. Tuttavia, non c’è una sola strada percorribile: e per fortuna che è così, visto che le esigenze sono diverse da persona a persona. Per qualcuno potrebbe infatti essere necessario richiedere un rimborso del capitale maturato prima dei tempi prefissati. 

La prima cosa da sapere è che il capitale sottoscritto tramite il fondo pensione può essere riscattato in modo parziale o totale. Come si può facilmente evincere, il riscatto totale del fondo pensione permette di accedere al 100% di quanto maturato fino a quell’istante. È possibile solo al verificarsi di alcune condizioni, che vedremo meglio in seguito. Il riscatto parziale del fondo pensione, invece, consente di ricevere il 50% della posizione pensionistica maturata. 

Veniamo alle tempistiche: che si tratti di soluzione parziale o totale, la richiesta di riscatto del fondo pensione deve essere conclusa dalla società entro massimo sei mesi dalla richiesta del sottoscrivente.

Qual è la tassazione per il riscatto del fondo pensione

In entrambe le situazioni, la tassazione del riscatto del fondo pensione è la medesima e dipenderà dalla permanenza nel programma stesso. Prevede un’imposta al 15% che viene decurtata dello 0,30% per ogni anno, fino a un minimo del 9%. L’imposta sale al 23% solo per il riscatto dovuto a licenziamento o cambio di impiego. 

A proposito, il riscatto del fondo pensione va dichiarato nel 730? No, perché la ritenuta è già alla fonte.

Differenze tra anticipazioni e riscatti

Chiariamo un punto che spesso genera confusione: anticipazione e riscatto del fondo pensione non sono la stessa cosa. L’anticipazione non conclude l’adesione al piano, diversamente dal riscatto, e si può richiedere più volte, ma solo in alcuni casi: ecco quali sono.

  • Spese mediche improvvise per gravi motivi di salute: l’anticipo è fino al 75% della posizione individuale maturata.
  • Acquisto o ristrutturazione della prima casa: l’anticipo è fino al 75%, ma si può inoltrare la richiesta solo dopo otto anni di partecipazione al fondo.
  • Altri motivi personali: l’anticipo è fino al 30%, ma anche qui solo dopo otto anni di adesione al fondo.

Scopri il Welfare Coverflex

La prima piattaforma in Italia con una proposta realmente spendibile per i dipendenti e sostenibile per le aziende. Unisciti anche tu!

Quando è possibile riscattare il fondo pensione?

Abbiamo anticipato che ciò che caratterizza il riscatto del fondo pensione non è solo la quota che si può ricevere, ma anche alcune condizioni particolari. Ma quali? 

Si può accedere al riscatto totale del fondo pensione nei seguenti casi:

  • decesso di chi ha sottoscritto il piano;
  • cessazione del lavoro e inoccupazione per più di 48 mesi;
  • invalidità permanente (la capacità lavorativa si riduce a meno di un terzo);
  • licenziamento, cambio di lavoro o perdita di altri requisiti necessari alla partecipazione.

Importante: in caso di morte dell’aderente, tutto il capitale maturato può essere riscattato dai beneficiari indicati nel contratto oppure dagli eredi legittimi.

Per il riscatto parziale bisogna invece rispettare questi “paletti”: 

  • cessazione del lavoro e inoccupazione per un periodo che va da 12 a 48 mesi;
  • procedure di mobilità;
  • CIG ordinaria o straordinaria;
  • esodo incentivato.

Riscatto per inoccupazione: le differenze tra dipendenti e autonomi

I fondi pensione aperti sono disponibili per diverse categorie, compresi gli autonomi. Ma come si fa a richiedere il riscatto, visto che non si ha un contratto come dipendente? Per dimostrare di essere inoccupati bisogna presentare una domanda che includa il documento relativo alla chiusura della partita IVA o una dichiarazione sostitutiva che dimostri l’inoccupazione.

Come chiudere un fondo pensione

Quando si apre una pensione integrativa si è normalmente convinti di poterla portare avanti secondo i termini prestabiliti. Tuttavia, può accadere in circostanze particolari di arrivare alla decisione di voler disdire il proprio fondo pensione. 

Per farlo, bisogna assicurarsi che il contratto lo preveda ed eventualmente compilare l’apposito modulo fornito dalla società con cui si è stipulato il contratto. Di norma, però, è consentito chiudere il fondo pensione solo per passare a un’altra forma complementare o, eventualmente, sospendere temporaneamente i versamenti.

Con Coverflex puoi contribuire al tuo fondo pensione

Sai che puoi far crescere il tuo fondo pensione grazie ai benefit erogati dalla tua azienda? Questo è proprio quanto avviene con la soluzione di welfare aziendale Coverflex, che consente di spostare il budget extra proprio su una forma pensionistica aggiuntiva. 

In più, c’è anche il discorso della deducibilità del fondo pensione che gioca a tuo vantaggio, oltre alla possibilità di aggiungere anche il TFR. Tutto ciò che il datore di lavoro deve fare è effettuare l’iscrizione online e scegliere la formula adatta alle sue esigenze, che offre vantaggi fiscali per entrambe le parti. 

Una volta fissato il budget per ogni dipendente, potrà renderlo immediatamente disponibile tramite la comoda Coverflex Voucher Card, utilizzabile dai collaboratori per ottenere beni e servizi presso i partner convenzionati in tutta Italia. O, in alternativa, per incrementare le quote del fondo pensione.

Ora che sai come funziona il riscatto del fondo pensione, passa all’azione e scopri come contribuire con Coverflex!
Leggi anche:

Più di 5000 aziende hanno già scelto Coverflex, tu cosa aspetti?

inizia ora