Prenota una demo e sii tra i primi a scoprire tutto riguardo un nuovo modo di offrire benefit.
inizia ora
C

on l’anno nuovo, ripartono anche tutti gli adempimenti previsti per dipendenti, freelance e aziende. Hai già segnato sul calendario le scadenze fiscali del 2024 che ti riguardano? Per aiutarti, abbiamo organizzato in un articolo tutte le deadline in arrivo, mese per mese. Potrai così pianificare al meglio la tua situazione e non perdere nemmeno una data utile.

‍

Scadenze fiscali ricorrenti

Per evitare di ripetere troppo spesso le stesse scadenze, prima di iniziare abbiamo deciso di riassumerti le scadenze fiscali ricorrenti nel corso dell 2024.

Alla metà di ogni mese, solitamente il giorno 16, abbiamo:

  • IVA: liquidazione e versamento della quota mensile per il mese precedente o trimestrale.
  • Sostituti d’imposta: versamento delle ritenute.
  • Locazioni brevi: versamento della ritenuta su quanto incassato.
  • Tobin Tax: versamento mensile della tassa sulle transazioni finanziarie.

Alla fine di ogni mese, solitamente il 25:

  • INTRASTAT: termine per l’invio degli elenchi INTRASTAT mensili (per importi superiori a 50.000 euro) e trimestrali (per importi inferiori a 50.000 euro).

‍

Le scadenze fiscali del 2024, mese per mese

Secondo le stime ufficiali, le scadenze fiscali del 2024 sono ben oltre il migliaio. Una cifra impressionante, vero? Dall’acconto IRPEF per gli autonomi alla dichiarazione dei redditi, passando per i termini della rivalutazione dei terreni e delle quote, ecco i punti chiave per i prossimi mesi.

Scadenze fiscali gennaio 2024

1 gennaio

  • Fatturazione elettronica: dal primo gennaio è diventata obbligatoria la fatturazione elettronica anche per tutti i regimi agevolati (forfettari e minimi); fanno eccezione solo i professionisti sanitari che emettono fatture per i pazienti.
  • Cassa integrazione: termine per la richiesta telematica di CIGO all’INPS da parte di imprese industriali ed edili.
  • iInvio UNIEMENS: le aziende pubbliche e private sono tenute a inviare all’INPS i dati sulle retribuzioni per calcolare i contributi.‍
  • Libro unico del lavoro: obbligo di compilazione per le aziende interessate.

10 gennaio

  • INPS per lavoro domestico: scadenza massima per versare i contributi relativi al lavoro domestico.

15 gennaio

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.‍
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

16 gennaio

  • Acconto IRPEF: gli autonomi con partita IVA e ricavi fino a 170.000 euro devono versare il secondo acconto IRPEF in un’unica soluzione (a meno che non abbiano scelto cinque rate mensili, con interessi al 4% annuo).

25 gennaio

  • INTRASTAT: termine per l’invio degli elenchi INTRASTAT mensili (per importi superiori a 50.000 euro) e trimestrali (per importi inferiori a 50.000 euro).

31 gennaio

  • Spese sanitarie: questo è il termine per inviare i dati sulle spese sanitarie relativi al secondo semestre del 2023.
  • Canone RAI: termine massimo per inviare la comunicazione di non detenzione o per pagare la prima rata.

‍

Scadenze fiscali febbraio 2024

9 febbraio

  • Bonus pubblicità: ultimo giorno per inviare la dichiarazione sostitutiva per le spese sostenute nel 2023 da aziende, autonomi ed enti non commerciali.

15 febbraio

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.

17 febbraio

  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

28 febbraio

  • Bonus acqua potabile: ultima data per richiedere il bonus acqua potabile sulle spese sostenute nel 2023.

‍

Scadenze fiscali marzo 2024

15 marzo

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

18 marzo

  • Certificazione Unica: invio all’Agenzia delle Entrate delle CU relative alle ritenute versate nel 2023.
  • Comunicazioni per la dichiarazione precompilata: comunicazione dei dati obbligatoria per asili nido, istituti scolastici, università, pompe funebri, veterinari, imprese di assicurazione e imprese che erogano mutui.

‍

Scadenze fiscali aprile 2024

2 aprile

  • Digital Tax: comunicazione all’Agenzia delle Entrate relativa agli incassi sui servizi digitali.

10 aprile

  • INPS per lavoro domestico: scadenza massima per versare i contributi relativi al lavoro domestico.

15 aprile

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

30 aprile

  • Dichiarazione precompilata: da questa data è possibile accedere ai software ISA e ai dati per la dichiarazione dei redditi precompilata (da quest’anno anche per le partite IVA).‍
  • Imposta di bollo: versamento della tassa su libri, registri e documenti fiscalmente rilevanti per l’anno precedente.

‍

Scadenze fiscali maggio 2024 

15 maggio

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

16 maggio

  • INPS artigiani e commercianti: pagamento della quota trimestrale.

‍

Scadenze fiscali giugno 2024

16 giugno

  • Ritenute condomini: nuova scadenza per i condomini sostituti d’imposta che devono versare le ritenute (prima era il 30 giugno).

17 giugno

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

30 giugno

  • Rivalutazione quote e terreni: per chi vuole rivalutare quote negoziate e non negoziate e terreni per i beni posseduti al di fuori del regime d’impresa, la prima rata e la perizia devono essere completate entro questo termine.

‍

Scadenze fiscali luglio 2024

15 luglio

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

‍

Scadenze fiscali agosto 2024

20 agosto

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.
  • INPS: pagamento della quota trimestrale.

‍

Scadenze fiscali settembre 2024

16 settembre

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

30 settembre

  • Presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’IRAP: il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi e dell’IRAP viene anticipato di due mesi (prima era al 30 novembre) per tutti (pensionati, dipendenti e partite IVA). Secondo il calendario fiscale 2024, per l’IRES non è più l’ultimo giorno dell’undicesimo mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta, bensì il nono giorno.‍
  • Cassa forense: obbligo di invio dei dati sul reddito degli architetti iscritti alla Cassa Forense.

‍

Scadenze fiscali ottobre 2024

10 ottobre

  • INPS per lavoro domestico: scadenza massima per versare i contributi relativi al lavoro domestico.

15 ottobre

  • IVA: fatturazione differita relativa al mese precedente.
  • IVA associazioni senza scopo di lucro: registrazione dei corrispettivi riferiti al mese precedente.

31 ottobre

  • INARCASSA: obbligo di invio dei dati sul reddito di architetti e ingegneri iscritti alla cassa professionale INARCASSA.‍
  • ISCRO: ultima data per la richiesta di Indennità Straordinaria di Continuità Reddituale e Operativa per i lavoratori iscritti alla Gestione Separata dell’INPS.

‍

Scadenze fiscali novembre 2024

18 novembre

  • INPS artigiani e commercianti: pagamento della quota trimestrale.

30 novembre

  • Termine per forfettari: chi ha la partita IVA con regime forfettario deve comunicare l’importo e la natura dei costi relativi al periodo d’imposta precedente.

‍

Scadenze fiscali dicembre 2024

16 dicembre

  • Ritenute condomini: il calendario fiscale 2024 introduce una nuova scadenza per i condomini sostituti d’imposta che devono versare le ritenute (prima era il 20 dicembre).
  • Versamento IRAP e IVA: pagamento di IRAP e IVA; versamenti unificati per chi possiede la partita IVA.

‍

Non c’è scadenza per scegliere Coverflex Wallet, la soluzione completa per welfare e buoni pasto, sempre a portata di app e voucher card. Prenota una demo per scoprirlo da vicino!
Leggi anche:

Più di 5000 aziende hanno già scelto Coverflex, tu cosa aspetti?

inizia ora