Prenota una demo e sii tra i primi a scoprire tutto riguardo un nuovo modo di offrire benefit.
inizia ora
P

er la prima volta Coverflex è stata inserita nell'elenco annuale delle "100 miglior startup d'Europa" di Wired.

‍

Ogni anno, l'edizione britannica della testata nordamericana stila un elenco delle startup che fanno molto parlare di sé nel continente europeo. Le aziende scelte annualmente da Wired sono, da un lato, il risultato della ricerca locale della rivista e, dall'altro, nominate attraverso conversazioni con persone coinvolte nei diversi ecosistemi, "per conoscere la loro lettura della realtà locale", scrive la rivista.

‍

"Coverflex è pioniere di un nuovo concetto: la retribuzione come servizio", sottolinea la rivista nel suo numero di agosto.

‍

"Essere presenti nell'elenco della rivista Wired a soli sette mesi dal nostro ingresso sul mercato, è la conferma che abbiamo raggiunto due importanti obiettivi: da un lato, che siamo già stati notati dal mercato e, dall'altro, l'enorme potenziale del nostro prodotto in un mercato del lavoro che sta vivendo una profonda trasformazione, di cui vogliamo e possiamo far parte", sottolinea Miguel Santo Amaro, co-fondatore e CEO di Coverflex.

‍

I fondatori di Coverflex: Luís Rocha, Rui Carvalho, Nuno Pinto e Miguel Santo Amaro

‍

La soluzione di retribuzione flessibile di Coverflex consente alle aziende di gestire la retribuzione al di là dello stipendio: benefit, buoni pasto e sconti esclusivi.

‍

"In occasione delle 100 Hottest Startups di Wired, abbiamo notato come queste aziende costituiscano un gruppo senza eguali: sono sopravvissute a un anno senza precedenti, incarnando lo spirito imprenditoriale. Le nostre Hottest Startups 2021 non sono necessariamente più grandi, più famose o meglio finanziate. Il nostro obiettivo è quello di identificare le startup che generano interesse: le aziende di cui si parla e a cui ci si ispira", spiega la rivista Wired.

‍

La classifica annuale di Wired, lanciata nel 2009 nel Regno Unito, ha trattato attivamente l'ecosistema imprenditoriale e tecnologico britannico. La rivista, fondata a San Francisco negli anni '90, è diventata un punto di riferimento in questo settore, non solo nel Regno Unito ma in tutta Europa, delocalizzando la copertura sul continente europeo con corrispondenti da Stoccolma a Mosca, da Parigi a Tel Aviv, alla ricerca di imprese che stanno entusiasmando gli imprenditori e attirando l'attenzione di investitori e altri soggetti, grazie alla loro ambizione e al loro potenziale.

Leggi anche:

Più di 5000 aziende hanno già scelto Coverflex, tu cosa aspetti?

inizia ora